Caf - Contabilità aziendale - Firenze  
Elaborazione dati
Centro raccolta 730 - Caf
Contabilità aziendale
CAF
Contabilita
successioni
consulenza19 Jan 2018
dichiarazioni redditi
contabilità firenze
Contabilit web - Menu' -

Benvenuto
Memo
 

In scadenza a gennaio

IVA - mensile Dicembre -


Contabilità web
News
Crediti verso la P.A., certificazione entro 60 giorni dalla presentazione dell’istanza
Il sistema che il Governo ha delineato per attenuare la problematica dei ritardati pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese imperniato sulla certificazione dei crediti da parte degli enti debitori, regolamentata con due dei quattro decreti che sono stati emanati.

Il meccanismo della certificazione stato introdotto nel nostro sistema con il comma 3-bis dell’art. 9 del DL 185/2008, mentre ulteriori interventi in materia sono stati realizzati con l’art. 13 della L. 183/2011 e con il recente DL 16/2012 (art. 12). La certificazione funzionale a diversi “utilizzi” del credito: la sua cessione pro soluto o pro solvendo, l’ottenimento dell’anticipazione del credito da parte del sistema bancario, la compensazione con eventuali somme iscritte a ruolo entro il 30 aprile 2012.

Oggetto della certificazione sono i crediti vantati nei confronti di Regioni, Enti locali ed enti del Servizio Sanitario Nazionale in relazione a rapporti di somministrazione, fornitura e appalto. Va per evidenziato come il comma 2 dell’art. 1 della bozza di decreto circolata ieri esclude dall’ambito applicativo della disposizione i crediti verso gli enti commissariati, ma soprattutto nei confronti delle Regioni in deficit sanitario (penalizzando in questo modo ulteriormente le imprese interessate).

A regime, il sistema di certificazione sar interamente telematico, poggiando su una piattaforma elettronica che verr predisposta nei prossimi mesi: la piattaforma, oltre che dalle amministrazioni debitrici, dovr essere utilizzata da parte delle imprese creditrici, che si dovranno abilitare su di essa per presentare l’istanza di certificazione. ......
Posted on 25 May 2012 by Administrator
Il Governo tende la mano alle imprese creditrici della P.A.
Presentati dal governo quattro decreti che interverranno sul fronte fiscale e sui ritardi dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione.
Pi nel dettaglio i due decreti detti 'decreti certificazione' “attuano l’obbligo per tutti gli enti della Pubblica Amministrazione di certificare gli eventuali crediti vantati dalle imprese per somministrazioni, forniture e appalti”. Il primo decreto concerne i crediti vantati verso l’Amministrazione centrale, enti pubblici nazionali compresi, ed immediatamente operativo; il secondo riguarda invece le Regioni, gli enti locali e il Servizio Sanitario Nazionale, e la sua messa in opera subordinata al parere della Conferenza Stato-Regioni.
Posted on 25 May 2012 by Administrator
Cassetto previdenziale on line dell’INPS per artigiani e commercianti
Ieri, 2 aprile 2012, l’INPS ha comunicato di aver attivato sul proprio portale internet la nuova funzionalit denominata “Cassetto Previdenziale Artigiani e Commercianti”.

Tale servizio on line, nei propositi dell’INPS, nasce dall’esigenza di facilitare per gli iscritti alle gestioni autonome degli artigiani e commercianti, la consultazione dei dati contenuti negli archivi dell’Istituto previdenziale, fornendo in tempo reale una situazione riassuntiva delle informazioni inerenti la propria posizione previdenziale.
Infatti, questa nuova funzionalit consente la visione d’insieme ...
Posted on 03 Apr 2012 by Administrator
Nuovo termine per la comunicazione delle dichiarazioni d’intento
L’art. 2, comma 4, del DL 16/2012, modifica la disposizione normativa relativa al termine di comunicazione delle dichiarazioni d’intento ricevute (art. 1, comma 1, lett. c), del DL 746/83), disponendo che la comunicazione non deve essere pi presentata entro il giorno 16 del mese successivo a quello di ricevimento della dichiarazione d’intento, bens “entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA, mensile o trimestrale, nella quale confluiscono le operazioni realizzate senza applicazione dell’imposta”.

Come abbiamo gi avuto modo di evidenziare in queste pagine (si veda “Comunicazione delle dichiarazioni d’intento solo se si effettuano operazioni” del 10 marzo 2012), per effetto di tale modifica l’obbligo di comunicazione non decorre dalla data in cui la dichiarazione d’intento ricevuta, ma dal momento in cui, a seguito di tale dichiarazione, il soggetto (fornitore) pone in essere operazioni senza applicazione del tributo. Verificata tale condizione, la comunicazione deve essere inviata entro il termine previsto per la liquidazione dell’IVA riferita al mese o trimestre di effettuazione delle operazioni non imponibili, ai sensi dell’art. 8, lett. c), del DPR 633/72. Conseguentemente, laddove il fornitore abbia ricevuto la dichiarazione d’intento, ma non abbia effettuato alcuna operazione, l’obbligo di comunicazione non sussiste.

Sul punto, un quesito molto frequente che perviene dai soggetti interessati...
Posted on 19 Mar 2012 by Administrator
Trasferimenti di immobili storici agevolati anche per le ipo-catastali
Sui trasferimenti che hanno per oggetto immobili di interesse storico, artistico o archeologico, l’imposta di registro si applica nella misura agevolata del 3%; per quanto concerne, invece, le imposte ipo-catastali, permane un’alea di incertezza dovuta al disallineamento tra il dato letterale della norma e la ricostruzione interpretativa che viene, a tutt’oggi, portata avanti dalla prassi ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

Il quarto periodo dell’art. 1 della Tariffa, Parte I allegata al DPR 131/86 stabilisce che l’imposta di registro si applica con l’aliquota agevolata del 3%, sempre che l’acquirente non venga meno agli obblighi di conservazione e protezione dei beni.
L’applicazione dell’aliquota agevolata al 3% pu avere luogo anche se l’immobile non risulta gi gravato dal vincolo culturale alla data del trasferimento, a condizione per che la relativa procedura sia in corso e che l’acquirente documenti l’avvenuta apposizione del vincolo entro due anni dalla data di registrazione dell’atto.

La nota II all’art. 1 della Tariffa, Parte I allegata al DPR 131/86 stabilisce, infatti, che:
- ove sull’immobile gi sussista il vincolo, la parte acquirente deve indicare nell’atto gli estremi del vincolo stesso in base alle risultanze dei registri immobiliari (sul punto, si veda per anche quanto prospettato dalla ris. Agenzia delle Entrate 15 febbraio 2008 n. 47);
Posted on 13 Mar 2012 by Administrator

<< Precedente 1 2 3 4 Prossimo >>

Content Management Powered by CuteNews
Altri siti di interesse:
Free software: