Caf - Contabilità aziendale - Firenze  
Elaborazione dati
Centro raccolta 730 - Caf
Contabilità aziendale
CAF
Contabilita
successioni
consulenza19 Jan 2018
dichiarazioni redditi
contabilità firenze
Contabilit web - Menu' -

Benvenuto
Memo
 

In scadenza a gennaio

IVA - mensile Dicembre -


Contabilità web
News
Il Governo tende la mano alle imprese creditrici della P.A.
Presentati dal governo quattro decreti che interverranno sul fronte fiscale e sui ritardi dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione.
Pi nel dettaglio i due decreti detti 'decreti certificazione' “attuano l’obbligo per tutti gli enti della Pubblica Amministrazione di certificare gli eventuali crediti vantati dalle imprese per somministrazioni, forniture e appalti”. Il primo decreto concerne i crediti vantati verso l’Amministrazione centrale, enti pubblici nazionali compresi, ed immediatamente operativo; il secondo riguarda invece le Regioni, gli enti locali e il Servizio Sanitario Nazionale, e la sua messa in opera subordinata al parere della Conferenza Stato-Regioni.
Per ottenere la certificazione evidenzia ancora il comunicato sufficiente presentare all’ente debitore il modulo allegato al decreto, compilabile anche online e scaricabile da internet. Spetter all’ente riconoscere il debito o argomentarne l’inesigibilit (totale o parziale): questo passaggio deve avvenire entro 60 giorni, pena la nomina di un “commissario ad acta” che, nell’arco di ulteriori 60 giorni, dovr poi provvedere a inviare la risposta.

Oltre ai “decreti certificazione”, il Governo ne ha previsto un terzo, detto “decreto compensazioni”, in attuazione del DL n. 78/2010, relativamente alle compensazioni di crediti maturati nei confronti delle Regioni, degli Enti locali e degli enti del Servizio Sanitario Nazionale con somme dovute a seguito d’iscrizione a ruolo (si veda “Compensabili i crediti verso Regioni ed enti locali con debiti iscritti a ruolo” di oggi). Quarto ed ultimo decreto quello del Ministero dello Sviluppo economico riguardante il Fondo Centrale di Garanzia ex L. 214/2011 (di conversione del DL “Salva Italia”), ossia l’introduzione di appositi benefici a vantaggio delle imprese creditrici nei confronti della P.A, che potranno accedere al Fondo utilizzando in banca la certificazione.

Al fornitore in possesso della certificazione potr essere concessa, innanzitutto, una compensazione del credito nei confronti di Regioni ed enti locali con debiti iscritti a ruolo alla data del 30 aprile 2012, relativamente a tributi erariali, regionali e locali, oltre che premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, nonch contributi assistenziali e previdenziali. Inoltre, sar consentita al fornitore la possibilit di ottenere un’anticipazione bancaria a fronte di un credito certificato, anticipazione che potr essere assistita da una garanzia fino a 70% (innalzabile all’80% qualora le Regioni apportassero ulteriori risorse) da parte del Fondo Centrale di Garanzia, per un importo massimo garantibile di 2,5 milioni di euro per ogni impresa. Infine, il fornitore potr operare una cessione (pro soluto o pro solvendo) presso intermediari finanziari riconosciuti.
Risparmio di tempo e denaro con la certificazione telematica

Con questo pacchetto di decreti, l’Esecutivo mira a facilitare i rapporti tra Fisco e imprese, ma soprattutto tra imprese e Amministrazione Pubblica, mediante la creazione di un’apposita piattaforma telematica e l’utilizzo della certificazione elettronica che conclude il comunicato del Governo “permetter di evitare, nel caso di cessione del credito, gli obblighi di redazione di atto pubblico e di notificazione, risparmiando tempo e soldi”.
0 Comments
Posted on 25 May 2012 by Administrator
Name:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 

| Forget Me
Content Management Powered by CuteNews
Altri siti di interesse:
Free software: